Vai al contenuto
Zes unica per la crescita del Sud Italia: il credito di imposta per le imprese nel Mezzogiorno
Scopri come funziona il credito di imposta Zes unica per le imprese meridionali che acquistano beni strumentali.

Le imprese del Sud Italia ed il Credito di imposta Zes unica

Tempo di Lettura: 3 minuti
zes unica
Zes Unica Sud

Il credito di imposta Zes unica è un contributo in favore delle imprese del Mezzogiorno italiano che investono nell’acquisto di beni strumentali nuovi. La misura è valida per il periodo 2024-2026 e sono coinvolte le imprese collocate nella cosiddetta Zes, Zona economica speciale, che in Italia comprende le Regioni:

  • Abruzzo;
  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Campania;
  • Molise;
  • Sardegna;
  • Sicilia.

Questo particolare credito di imposta è contenuto nella Riforma fiscale 2024 e fa riferimento alla normativa europea degli aiuti di Stato.

Vediamo nel dettaglio cosa è il credito d’imposta Zes unica Sud, quali imprese possono accedervi e come ottenerlo.

Pronota una consulenza TECNICA SPECIALIZZATA con il nostro esperto!

Tabella dei Contenuti

Come funziona il credito d’imposta Zes unica

Zes unica è il credito di imposta di cui le imprese del Mezzogiorno italiano possono beneficiare in caso di acquisto di beni strumentali.

La misura riguarda le Regioni della Zona economica speciale, ovvero territori che hanno bisogno di sostegni per migliorare la propria situazione economica e colmare il gap con le aree più floride e produttive.

Per il tax credit Zes unica sono stati messi a disposizione 1.800 milioni di euro, così come specificato dal Decreto Sud.

Il credito di imposta può essere ottenuto dalle imprese scaricando i costi dei beni strumentali attraverso la compensazione con debiti fiscali e tasse di cui si è titolari.

Possono accedere tutte le imprese del Sud Italia che rispettano la normativa del TFUE, il Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea nel limite di spesa previsti dai piani regionali. Di seguito, ecco la tabella che si riferisce al massimo di credito di imposta accessibile per Regioni e dimensioni dell’impresa:

Vedi Anche:  Incentivi INAIL per la sicurezza sul lavoro: il Bando ISI
Dimensione impresaRegioni Campania, Puglia, Calabria, SiciliaRegioni Basilicata, Sardegna, MoliseRegione Abruzzo
Aiuto Massimo Piccole Imprese60%50%35%
Aiuto Massimo Media Impresa50%40%25%
Aiuto Massimo Grande Impresa40%30%15%

Gli aiuti saranno stanziati attraverso la presentazione di un progetto iniziale che contenga l’investimento iniziale rivolto all’acquisto di:

  • attrezzature, macchinari ed impianti da utilizzare all’interno di strutture produttive già presenti o nuove nei territori di riferimento;
  • terreni e immobili strumentali agli investimenti (il loro valore non deve superare la metà dell’investimento totale agevolato in Zes unica).

Il tax credit spettante verrà calcolato sul costo totale dei beni acquistati, su valore massimo di 100 milioni di euro per investimento, anche se il loro importo è stato coperto da contratti di locazione finanziaria, calcolando il valore coperto dal locatore, escluse le spese di manutenzione.

L’acquisto dei beni strumentali deve essere eseguito per il 2024 tra il primo gennaio ed il 15 novembre.

Questo credito di imposta è cumulabile con altri aiuti di Stato per le imprese nel sostenere tali costi, a patto che non superino i limiti previsti dalle norme comunitarie.

Come ottenere Zes unica

Il credito di imposta Zes unica Mezzogiorno si ottiene in compensazione mediante la presentazione della dichiarazione dei redditi, il Modello F24 da inviare all’Agenzia delle Entrate, del periodo di imposta in cui si accede all’agevolazione ed in quelli seguenti, fino a quello in cui si termina il suo utilizzo.

L‘investimento minimo dei progetti delle imprese per accedere a Zes unica dovrà essere di 200.000 euro e le aziende beneficiarie dovranno rimanere per i cinque anni seguenti alla conclusione del progetto nelle zone oggetto della misura, altrimenti si incappa nell’esclusione dal progetto e nella restituzione di quanto percepito.

Vedi Anche:  Acquista mezzi pesanti green con il Bonus autotrasportatori

Si effettuerà la rideterminazione del costo complessivo del progetto se ci sono beni non utilizzati entro il secondo o il quinto periodo di imposta.

Non c’è distinzione di settore per le imprese che vogliono accedere a Zes unica Sud ma quelle impegnate nella produzione primaria di prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura, della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura seguono le regole europee sugli aiuti per i settori agricolo, forestale, ittico e delle zone rurali.

Invece, non possono accedere all’agevolazione le imprese dei settori :

  • siderurgico, carbonifero e della lignite;
  • trasporti e delle relative infrastrutture;
  • della produzione, dello stoccaggio, della trasmissione e della distribuzione di energia;
  • delle infrastrutture energetiche e della banda larga;
  • creditizio, finanziario e assicurativo.

Inoltre, non possono beneficiare di Zes unica le imprese in difficoltà economica, in stato di liquidazione o in scioglimento.

Per sapere nel dettaglio come accedere, fruire ed utilizzare le risorse di Zes unica bisogna aspettare entro il 30 dicembre 2023 i decreti attuativi dei Ministri di Economia ed Affari Europei e quello per l’applicazione del Piano nazionale ripresa resilienza.

Vedi anche:

Informative Tecniche & Risorse Consulenziali

Tag

F.A.Q. per Le imprese del Sud Italia ed il Credito di imposta Zes unica

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.

Cerca