Vai al contenuto
Si applica l'aliquota IVA al 10 per cento per i pasti consegnati a domicilio?
L’IVA al 10 per cento si applica anche per i cibi preparati da asporto.

Aliquota IVA 10 per cento food delivery: per quali prodotti?

Tempo di Lettura: 2 minuti
iva al 10 per cento
IVA al 10 per cento

La Legge di Bilancio ha introdotto il trattamento agevolato con una aliquota ridotta IVA al 10 per cento per i pasti consumati sul posto per i ristoranti. Questa misura è stata introdotta per venire incontro alle difficoltà del settore legate alla pandemia.

L’aliquota ridotta, secondo, molti riguardava attività come bar, ristoranti, pizzerie e tutti quegli esercizi che prevedevano la somministrazione di cibi e bevande all’interno delle loro strutture.

Vediamo insieme, se anche chi ha un servizio di vendita da asporto di prodotti alimentari può beneficiare dell’IVA al 10 per cento.

Pronota una consulenza TECNICA SPECIALIZZATA con il nostro esperto!

Tabella dei Contenuti

IVA al 10 per cento per il food delivery

Si può applicare il trattamento IVA al 10 per cento per cibi e bevande venduti attraverso un servizio di consegne a domicilio? La risposta è affermativa per i cibi preparati che sono:

  • cotti;
  • fritti;
  • arrostiti;
  • in generale preparati per il loro consumo anche dopo la loro consegna al cliente che li ha ordinati a domicilio.

Invece, la risposta è negativa per le bevande ed i cibi non preparati ricevuti e consumati non nella struttura che li ha venduti. In questi casi, si applica sul prezzo di vendita di tali prodotti l’aliquota ordinaria del 22 per cento.

IVA al 10 per cento e le altre aliquote sui beni alimentari

Non esiste solo l’aliquota IVA al 10 per cento che si applica sul cibo consumato sul posto nei ristoranti, negli alberghi o se da asporto ma preparato.

Vedi Anche:  Bonus alberghi: come ristrutturare le strutture turistiche

Infatti, nel settore alimentare vediamo applicata:

  • una aliquota IVA al 22 per cento per l’acqua in bottiglia, le bibite, gli alcolici;
  • una aliquota IVA del 10 per cento sulle materie prime come ad esempio carne, pesce, uova, cereali, zucchero;
  • una aliquota IVA al 4 per cento, detta anche minima, per i beni di prima necessità come ad esempio frutta, verdura, pane e pasta.

Per le attività ristorazione l’aliquota Iva del 10% è quella applicabile indipendentemente dal cibo o dalla bevanda somministrata al pubblico.

Vedi anche:

Informative Tecniche & Risorse Consulenziali

Tag

F.A.Q. per Aliquota IVA 10 per cento food delivery: per quali prodotti?

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.

Cerca