Vai al contenuto
Viaggi d'istruzione: 150 euro per le famiglie con redditi bassi. Domande entro il 15 febbraio!
Scopri come ottenere il Bonus gite scolastiche 2024 per i propri figli che frequentano i licei.

Il Bonus gite scolastiche 150€ per famiglie a basso reddito

Tempo di Lettura: 2 minuti
gite scolastiche
Bonus gite scolastiche

Il Bonus gite scolastiche è il contributo messo a disposizione dal Governo Meloni come sconto sul costo totale dei viaggi d’istruzione e delle visite didattiche che i figli delle famiglie a reddito basso faranno nel 2024. La misura è coperta da 50 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dell’istruzione e del Merito che dovrebbero coprire tutte le richieste delle famiglie a basso reddito con figli a carico e che frequentano i licei.

Molti hanno mosso diverse critiche ai 150 euro concessi per i viaggi scolastici in quanto i costi per spostamenti e pernottamenti di più giorni in località italiane, ed a maggior ragione in quelle estere, sono di molto superiori all’importo del bonus in questione.

Vediamo insieme, come funziona il Bonus gite scolastiche e come richiederlo.

Pronota una consulenza TECNICA SPECIALIZZATA con il nostro esperto!

Tabella dei Contenuti

Come funziona il Bonus gite scolastiche

Per poter accedere al Bonus gite scolastiche bisogna avere un ISEE familiare al massimo di 5.000 euro all’anno.

L’ammontare del contributo da scontare sul costo dei viaggi d’istruzione è pari ad un massimo di 150 euro per figlio minore frequentante un liceo. Tale somma scontata direttamente dall’istituto scolastico al momento dell’effettuazione del viaggio scolastico o come rimborso per quelli già sostenuti.

Il contributo ha come obiettivo quello di evitare che vengano esclusi dall’esperienza dei viaggi scolastici i ragazzi delle famiglie a reddito basso.

Per ottenere il Bonus gite scolastiche è necessaria la compilazione della DSU, la Dichiarazione Sostitutiva Unica, all’INPS, necessaria per avere l’attestato ISEE valido per il 2024.

Vedi Anche:  Bonus 200 euro requisiti, scadenza domanda e quando arriva

Come ottenere il Bonus gite scolastiche

I beneficiari del Bonus gite scolastiche devono presentare la domanda per il contributo di 150 euro sulla Piattaforma Unica e seguire la procedura prevista entro il 15 febbraio 2024. Per le scuole secondarie di secondo grado, si è aperta una seconda finestra per fare la richiesta per il beneficio dal 27 marzo al 31 maggio 2024

Prima di inserire le informazioni richieste dalla piattaforma online, gli istituti scolastici devono indentificare le famiglie che ne hanno diritto e comunicare loro di avere diritto al bonus.

A questo punto, i beneficiari possono richiedere il Bonus per i viaggi di istruzione sulla Piattaforma Unica, ma devono compilare anche la DSU sul sito web dell’INPS per avere l’ISEE valido.

In questo modo, l’Ente Nazionale di Previdenza Sociale verificherà la validità dei requisiti in possesso e comunicherà alla Piattaforma Unica l’accettazione della domanda per il contributo richiesto, la quale aggiornerà lo stato della domanda nell’area personale al suo interno.

L’importo del bonus gite scolastiche sarà pari ad un massimo di 150 euro. L’ammontare per ciascuno studente dipende dal calcolo effettuato dalla piattaforma Unica che prende in considerazione i dati INPS ed il numero di beneficiari per dispensare le risorse equamente.

Quindi, potrà capitare di avere riconosciuti meno di 150 euro ma non di più. Ricordiamo che se si hanno più minori che frequentano il liceo, bisogna presentare una domanda per ogni figlio a carico per avere lo sconto totale o parziale per le uscite didattiche o i viaggi d’istruzione in programma per quest’anno o per quelle già effettuate se non ce sono altre in calendario.

Vedi Anche:  Bonus badanti: lo sgravio sui contributi fino a 3mila euro

Vedi anche:

Informative Tecniche & Risorse Consulenziali

Tag

F.A.Q. per Il Bonus gite scolastiche 150€ per famiglie a basso reddito

Vuoi ricevere le novità del settore?
Per maggiori informazioni sul trattamento dati personali ti invitiamo a consultare la nostra Privacy.

Cerca